Acquisti · Attrezzi per lavorare la carta · Come fare

Fustelle vs. “punch”. Quale scegliere?

FattoConGioia :: Punch vs. Fustelle
Andando in fiera, mi sono resa conto della quantità enorme di attrezzature che vengono proposte per lavorare la carta, e di quanto possa essere difficile scegliere per chi comincia a interessarsi di questo hobby.
Per questo oggi voglio parlarvi di due attrezzi per ricavare forme dalla carta e dal cartoncino, con cui si ottiene più o meno lo stesso risultato, ma con delle differenze che vale la pena sapere: le fustelle e i “punch“.

Un “punch”, o fustellatore a leva, è quell’attrezzo che permette di forare in modo semplice un foglio di carta, ottenendo una forma ritagliata e una controforma (ehm… un buco!) nel foglio di partenza.
Assomiglia nel funzionamento ai ‘fabuchi’ che usavamo da bambini per forare i fogli da mettere nei quadernoni.
Il costo di questi fustellatori è modico (dai 2-3 euro di quelli più piccoli, fino ai 20 circa di quelli grandi o molto elaborati), ed esistono in numerosissime forme, per ogni esigenza, compresa quella di ritagliare dei bordi o angoli decorativi nei fogli.

Una fustella, pur avendo un costo in sé basso, ha invece bisogno di una macchina fustellatrice per funzionare, che può essere un investimento iniziale molto oneroso.

Ci sono altri criteri tuttavia da tenere in considerazione di volta in volta nella scelta dell’uno o dell’altro attrezzo:

Il fiore ottenuto con il punch (a sinistra) e con la fustella
Il fiore ottenuto con il punch (a sinistra) e con la fustella “Paquerette” di Kesi’Art (a destra). Hanno quasi la stessa dimensione, ma la forma dei petali è diversa.

1. La forma che ottengo. Considerazione banale: a parità di soggetto e di grandezza, raramente troverò una fustella e un punch della stessa forma. Per soggetti grandi o elaborati, addirittura troverò solo le fustelle per le macchine da taglio.
Faccio un esempio vicino a me: mi piace molto come è fatto il fiore “paquerette” di Kesi’Art, perché i petali sono dritti e non si assottigliano verso il centro. Nessuno dei punch che ho trovato finora offre lo stesso risultato.

Per i fiori di carta aquilone, leggeri e trasparenti, bisogna usare una fustella con l'apposita macchina.
Per i fiori di carta aquilone, leggeri e trasparenti, bisogna usare una fustella con l’apposita macchina.

2. Il materiale che devo fustellare. I punch di uso più comune fustellano solo cartoncino medio (120-220 g/mq): le carte più leggere e i materiali morbidi – come gomma crepla o panno – inceppano i meccanismi a leva, e quelli duri o spessi non si riescono a perforare. Questo non succede con le fustelle, che supportano tutti i materiali, con il solo limite dello spessore. (Tanto tempo fa ho scritto un post dettagliato sull’argomento, a cui vi rimando per ulteriori informazioni.)

3. Quante forme ho bisogno di ritagliare. Fustellare con un punch è molto più veloce: si inserisce la carta sotto la leva, e con un colpo la nostra forma è pronta. Con la macchina, invece, devo ogni volta preparare il “sandwich” con i piani da taglio, posizionare carta e fustella e girare la leva finché non esce dall’altra parte.
Se ho la necessità di ottenere tante forme uguali, perciò, mi conviene valutare dei compromessi rispetto al materiale o ai dettagli, per sfruttare la velocità dell’operazione.

4. Dove devo fustellare. Ad esempio, se devo fare una bordura decorativa, mi conviene usare un punch apposito: esistono anche fustelle per bordure, ma è complicato riprendere la linea se il foglio è lungo. Per forare un foglio al centro, invece, devo usare una fustella, perché salvo pochi modelli i punch non arrivano al centro della pagina.

La macchina fustellatrice è piuttosto ingombrante – ma le fustelle si possono impilare. Ogni punch fustella una sola forma, ed occupa parecchio posto.
La macchina fustellatrice è piuttosto ingombrante – ma le fustelle si possono impilare. Ogni punch fustella una sola forma, ed occupa parecchio posto.

5. Lo spazio che ho a disposizione. La macchina fustellatrice, specie in formato A4, occupa molto posto, ma in compenso le fustelle possono essere impilate o appoggiate di taglio come i libri; i singoli punch invece occupano molto posto e non possono essere messi uno sopra l’altro.

6. Se devo lavorare con dei bambini. I punch sono facili da usare, ed è difficile incepparli irrimediabilmente (almeno quelli con le forme base), mentre per adoperare la fustella bisogna un po’ più di impegno e concentrazione. Per questo, se ci sono bambini, secondo me è preferibile usare i punch, perché si possono lasciare in mano a loro, solo che abbiano la forza per schiacciare la leva.

Riassumendo…

FUSTELLE:
+ fatto salvo il costo iniziale della fustellatrice, le singole fustelle hanno un prezzo abbordabile;
+ offrono tante forme diverse, spesso più grandi o dettagliate rispetto ai punch;
+ si possono usare su materiali particolari – leggeri, spessi o diversi dal cartoncino;
+ forano in tutti i punti del foglio, anche lontano dal bordo;
+ occupano poco posto e possono essere impilate;
per adoperarle ho bisogno della macchina fustellatrice, che è piuttosto costosa e ha bisogno di tanto posto per essere usata;
bisogna un po’ di tempo per saperle usare correttamente, e perciò non sono adatte per i bambini.

PUNCH:
+ sono più veloci da usare delle fustelle;
+ ci sono motivi appositi per bordi e angoli;
+ possono essere usate anche dai bambini con un minimo aiuto;
salvo pochi modelli, fustellano solo cartoncino tra 120 e 220 g/mq di spessore;
ognuno fustella solo una forma, occupa tanto posto e non può essere impilato agli altri.

I fustellatori a leva sono poco pratici da impilare!
I fustellatori a leva sono poco pratici da impilare!

Ecco chiariti molti aspetti, che possono aiutare nella scelta di un attrezzo o di un altro… e perché no, possono far risparmiare anche qualche soldo!
Come si vede, nessuno dei due è in assoluto migliore dell’altro, ma di volta in volta conviene scegliere quello più adatto al lavoro da fare.

Se hai altre domande, scrivile qui sotto e ti risponderò volentieri!

A presto,
Elisa.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...