{Provato per voi} La piuma a papercut? Si può fare!

Quando ho iniziato a esplorare i lavori che si possono fare con la carta, nei miei articoli sulla paper art e durante le interviste, pensavo che non sarei mai riuscita a fare due cose: quilling e papercutting. Li avevo archiviati come troppo difficili, ma adesso so che mi sbagliavo!

Continuando a seguire il mio personale mito nel campo del papercut, Maria Marinoni (che ho avuto anche la fortuna di intervistare per il blog), sono approdata al sito di Excel Blades, la nota marca americana di lame e strumenti per l’hobbistica, dove vengono pubblicati progetti e tutorial per lavori di intaglio.
In particolare, mi sono innamorata della piuma proposta da Jason Koons… e ho deciso di provarci!

La penna realizzata con la tecnica del papercutting da Jason Koons per il sito di Excel Blades
La penna realizzata con la tecnica del papercutting da Jason Koons per il sito di Excel Blades

Il tutorial prometteva di essere adatto anche ai principianti, e soprattutto l’autore assicurava che “permetteva di nascondere facilmente gli errori”. Come potevo resistere?

I due disegni che non ho scelto per la mia piuma da intagliare.
I due disegni che non ho scelto per la mia piuma da intagliare.

Ho scelto un cartoncino di un colore che mi piace moltissimo, e con un pastello bianco ho disegnato la mia piuma. Dopo averne provate tre forme (il disegno non è il mio forte!) ho scelto quella che mi pareva più convincente e, con il tutorial davanti, ho iniziato ad intagliare.

La penna intagliata completa: la spina centrale è un po' troppo larga, ma nel complesso non stona.
La penna intagliata completa: la spina centrale è un po’ troppo larga, ma nel complesso non stona.

Credevo che la parte centrale fosse la più facile, così l’ho affrontata con spavalderia. Mi sbagliavo: i due tagli vicini e divergenti che servono a darle la forma hanno bisogno di una linea ben precisa. I miei sono un po’ troppo separati e hanno una distanza innaturale, di cui mi sono pentita sul momento, ma che in fin dei conti non rovina l’effetto generale.

Dettaglio della punta della piuma.
Dettaglio della punta della piuma.

Ho continuato a guardare le immagini ravvicinate del tutorial lungo tutto il lavoro, per essere sicura di fare le barbe laterali con l’inclinazione giusta. Il risultato è che la maggior parte degli intagli sono spigolosi ed estremamente controllati, quando forse sarebbe stato meglio lasciarsi andare a forme più morbide, anche se meno regolari.
Probabilmente, un buon compromesso sarebbe quello di segnare a matita la linea che dovrebbero tenere le barbe, e tenerla come guida approssimativa.

Dettaglio delle barbe: si notano i segni irregolari... il mio pegno all'inesperienza!
Dettaglio delle barbe: si notano i segni irregolari… il mio pegno all’inesperienza!

La mia inesperienza si nota soprattutto sulle punte interne degli intagli, imprecise e sfilacciate. Vorrei poter dare la colpa alla lama di scarsa qualità (e in un tutorial di Excel Blades avrei buon gioco!), ma temo che non sarebbe corretto, perciò mi prendo le mie responsabilità!

Riguardando la piuma finita e confrontandola con quella del tutorial mi sono accorta anche di alcune note legate allo stile più che alla tecnica, che sicuramente potrei migliorare con ulteriori prove.
Rispetto a quelli dell’originale, i miei intagli sono più larghi. Probabilmente anche questo è dovuto alla mia insicurezza, ma il complesso risulta comunque armonioso e si accentua lo stile “tribale” della composizione.

Foto di gruppo con ritagli. Nella parte destra si nota che le punte sono un po' troppo ravvicinate e pasticciate...
Foto di gruppo con ritagli. Nella parte destra si nota che le punte sono un po’ troppo ravvicinate e pasticciate…

Inoltre, ho capito solo separando la linea esterna quanto sia importante tenere distanziate le punte delle barbe, per poter disegnare anche il margine in modo corretto. Per rimediare, in parecchi punti ho fatto pasticci.

Un ultimo aspetto che ho sottovalutato è quello del peso della carta: pensando che fosse più facile da tagliare, e visto che mi piaceva molto il colore, ho usato del cartoncino da 130 g/mq che avevo in casa, piuttosto morbido, invece del Canson da 160 g/mq come consigliato. Intagliando la parte centrale, però, tendeva a arricciarsi e ho dovuto stare molto attenta per non strapparlo.

In complesso, però, sono molto orgogliosa e soddisfatta di questo progetto: pur avendo pochissima dimestichezza con la tecnica del papercutting, sono riuscita ad ottenere un risultato elegante e in complesso armonioso.
Soprattutto, ci sono riuscita in un tempo relativamente breve (3 ore di lavoro circa) e senza doverlo rifare.
Trovo piacevole pensare di poter migliorare rapidamente, sia nello stile, sia nella tecnica, nel caso in cui dovessi fare nuovamente questo papercut.

In complesso, mi pare che le promesse del tutorial fossero esatte e ampiamente giustificate. Si tratta senz’altro di un progetto da provare, anche per chi vuole approcciarsi a questa tecnica da principiante o quasi.

La classica "fotografia con la mano" dà le proporzioni della mia penna realizzata con la tecnica del papercutting.
La classica “fotografia con la mano” dà le proporzioni della mia penna realizzata con la tecnica del papercutting.

…e poi, vuoi mettere la soddisfazione di avere la classica “fotografia da paper artist” con la mia mano che si vede attraverso gli intagli?!?

Vuoi provare anche tu questo progetto? Segui il link al blog di Excel Blades… e mandami una fotografia del risultato! 

Ecco la piuma papercut tutta intera! Io ci sono riuscita... provaci anche tu!
Ecco la piuma papercut tutta intera! Io ci sono riuscita… provaci anche tu!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Crea un sito o un blog gratuito su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: