{Come iniziare} L’intaglio su carta

L’intaglio su carta – in inglese papercutting – consente di realizzare semplicemente decorazioni per la casa o eleganti oggetti in carta, per sé o da regalare. I materiali di base sono pochi, economici e di facile reperibilità.

Questi motivi ne fanno l’hobby perfetto per te che vuoi imparare qualcosa di nuovo senza un investimento eccessivo, e senza che la tua casa sia invasa da materiali e strumenti!

Gli strumenti essenziali per iniziare con l'intaglio: oltre al cartoncino, sottomano e cutter a punta.
Gli strumenti essenziali per iniziare con l’intaglio: oltre al cartoncino, sottomano e cutter a punta ben affilato.

I materiali per poter iniziare con il papercutting sono:

  • cartoncino leggero, da 160 a 200 g/mq, come quello della maggior parte degli album che si trovano in commercio;
  • un bisturi da intaglio con la punta sottile, composto da un’impugnatura e da un set di lame intercambiabili;
  • un tappetino autorigenerante (anche piccolo) sopra a cui tagliare. In mancanza di questo va bene anche del cartone pesante, come ad esempio il retro di un album da disegno, da sostituire appena è rovinato.

Non serve nemmeno molto posto: un tavolino dove appoggiarsi, con una sedia comoda e un po’ di spazio perché le braccia possano muoversi in modo confortevole.

Il materiale può essere riposto agevolmente anche mentre l’intaglio è ancora in corso, proteggendolo magari con un foglio bianco o una velina; perciò si può lavorare anche su un tavolo che ha un’altra funzione, purché sia pulito. (Come dire: va benissimo anche il tavolo della cucina!)

In commercio ci sono molti ottimi libri che spiegano come intagliare e sono ricchi di schemi e idee, come ad esempio “Intaglio su carta – Occasioni speciali” che ho recensito in un altro post del blog.

Se non vuoi affrontare l’acquisto di un libro, puoi trovare tutorial e cartamodelli per l’intaglio anche su Internet. Ti consiglio il blog di Excel Blades, dove alcuni artisti del papercutting di fama internazionale, fra cui la bravissima paper artist italiana Maria Marinoni, propongono progetti per tutti i livelli e di molti stili diversi.

Per alcuni papercut, come la piuma intagliata che ho provato a fare anch’io seguendo le istruzioni di Jason Koons, non serve seguire un disegno; per altri invece è necessario un cartamodello, da scaricare e stampare, oppure ricalcare da un libro.

Per fissare il modello al cartoncino da intagliare si può usare del nastro di carta oppure un pezzetto di washi tape. Teniamo conto che l’intaglio va sempre fatto sul retro del foglio; perciò se il cartoncino dovesse rovinarsi leggermente staccando il nastro non sarà un grosso problema!

L'intaglio si effettua sempre sulla parte rovescia del foglio, perciò si può disegnare con un tratto leggero a matita, bianca nel caso dei fogli scuri.
L’intaglio si effettua sempre sulla parte rovescia del foglio, perciò si può disegnare con un tratto leggero a matita, bianca nel caso dei fogli scuri, oppure attaccare con poco scotch un cartamodello.

I miei consigli per iniziare con l’intaglio:

Sono poco più che una principiante per quanto riguarda il papercutting. Nonostante questo, mi diverto a farlo, lo trovo rilassante e appassionante… oltre ad essere molto fiera dei risultati che riesco ad ottenere!

Perciò il mio primo consiglio è: prova l’intaglio su carta, perché è più facile di quello che sembra!

Il mio primo lavoro di papercutting, che ho passato un po’ sotto silenzio, è quello arancione nella serie dei “20 esperimenti” – ed è bruttissimo, perché non avevo chiaro cosa volessi ottenere. Lo schema è confuso e non c’è una logica.

Se anche tu, come me, non hai la mano felice per il disegno, segui un tutorial o un cartamodello. Man mano che procedi e impari le possibilità di questa tecnica, potrai lavorare su disegni originali.

Nella maggior parte dei tutorial si consiglia di usare cartoncino da 200-220 g/mq, perché ha un’ottima resa e una buona capacità strutturale. Per i primi lavori avevo a disposizione solo cartoncino più leggero (160 g/mq) e ho provato con quello: l’ho trovato semplice e morbido da intagliare, anche nelle parti curve.

Sperimenta vari tipi di cartoncino, per trovarne uno che ti piaccia e con cui lavori bene. Quando ti senti più sicuro, potrai usare anche materiali più rigidi e spessi, ma lo farai con più cognizione di causa.

Non è sempre facile trovare strumenti di qualità, soprattutto nelle piccole cartolerie. Il rischio di usare un bisturi spuntato è che scappi durante i tagli, mettendo a rischio il lavoro… e le dita!

Se pure non riesci a trovare un buono strumento per tagliare, assicurati almeno che sia sempre appuntito, affilato e pulito. Sembra un consiglio banale, ma mi sono accorta che la qualità del mio lavoro si abbassa notevolmente quando la lama si rovina.

Guardando i tutorial e i video, oppure leggendo i libri, mi sono accorta che gli esperti tengono il cutter in molti modi diversi, e io stessa lo impugno in vari modi a seconda del taglio che devo fare.

Non credo che esista un’impugnatura “giusta”: trova la tua, che ti stia comoda e ti consenta di lavorare senza che le tue mani siano indolenzite. Solo ricorda di tenere la lama rivolta verso di te, e la mano che regge il foglio dalla parte opposta, in modo da evitare di tagliarti.

Sono sicura che dopo questa spiegazione hai voglia anche tu di provare l’arte dell’intaglio su carta! Per le domande e le richieste di consigli, non esitare a scrivermi nei commenti o con un’email! Soprattutto, tienimi aggiornata con i tuoi progressi: sarò felice ed orgogliosa di vederli!

Nel blog trovi questi articoli che riguardano l’intaglio:

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.

Blog su WordPress.com.

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: